Juventus, Allegri: “I tifosi ci sostengono, noi dobbiamo essere più spensierati. Futuro? Ho deciso un anno fa”

 Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, è intervenuto in occasione della conferenza stampa in vista della sfida di domani contro l’Interjuventus allegri

Quando sono arrivato era un po’ peggio, rispetto a ora, la situazione non era per nulla semplice. I tifosi? Sono venuti per sostenerci e non per criticarci. Hanno vissuto una settimana di delusione, noi stiamo facendo il massimo per arrivare agli obiettivi. Ci sono anche gli avversari però, questo è il calcio: noi siamo qui per combattere. Abbiamo un finale di stagione in cui è ancora tutto in ballo e vogliamo vincere tutto. Spogliatoio? Dispiace sentire queste cose, senza fondamento d’altronde. Abbiamo cinque partite che ci portano al finale di stagione. Ci sono dei momenti di difficoltà, durante cui le cose ti vanno meno bene. Non siamo passati dall’essere imbattibili a brocchi. Ora ci tocca l’Inter, in uno stadio meraviglioso. Contro una squadra che ha subito solo 23 gol. Il campionato non si deciderà tra domani e domenica. Sarà ancora lunga.

 Ora si fa dura, servirà il coraggio e la spensieratezza. Domani servirà essere su tutti i palloni pronti. Domenica abbiamo subito 18 falli e fatti 9. Contro l’Inter servirà una partita tosta. Ci dispiace aver lasciato punti con il Napoli, è stata una brutta partita. Abbiamo subito troppi gol al 90esimo, magari pensiamo che le partite finiscano prima. Il Napoli è favorito e le vincerà tutte e quattro? Va bene, noi dobbiamo pensare a lavorare bene come fatto in questa settimana e e con concentrazione e determinazione e faremo una grande partita. Dybala? Situazione normale. E’ un grande giocatore che ha un mese per dare un grosso contributo alla squadra. Adesso non contano gli obiettivi personali ma quelli collettivi. Paulo sta bene, tutti si aspettano sempre qualcosa in più da lui, ma sta lavorando sodo per darci grosse soddisfazioni.

Sugli infortunati e la possibile formazione..

A parte Sturaro, De Sciglio e Chiellini sono tutti a disposizione, domani è una partita da giocare, come sempre, in 14. Adesso dobbiamo stare zitti e lavorare, veniamo da tanti risultati positivi e trofei vinti, non possiamo perdere certezze in pochi giorni, non possiamo permettercelo, sono cose che possono succedere. Mandzukic? Sta bene come tutti, domani è probabile che giochi. Il Napoli ha grande entusiasmo, ma domani non verrà deciso il campionato: tutto può essere stravolto in pochi minuti. E’ normale che c’è qualcosa che ti va contro quando sembra che possa essere tutto facile. Abbiamo giocato brutte partite e ci siamo meritati questi risultati. Dobbiamo pensare a domani e al finale di stagione, bisogna viverlo con spensieratezza ed entusiasmo, se lo vivremo così, vinceremo lo Scudetto. Ho sempre detto che quest’anno il campionato si sia deciso il 20 di maggio e sembra siamo in linea. I tifosi brontolano perchè è giusto che lo facciano dopo due partite giocate male. Barzagli? Domani potrebbe giocare dall’inizio, col Napoli non poteva giocare perchè aveva un riacutizzarsi di un dolore, adesso sta bene ed è piena disposizione. Futuro? La mia decisione l’ho presa un anno fa quando ho firmato con la Juventus, adesso però penso al campionato. E’ una lotta stimolante, il Napoli sta facendo cose straordinarie e siamo felici di giocarcela con un avversario tosto come loro. Domani sarà una grande partita, è il Derby d’Italia e inoltre noi ci giochiamo un pezzo di Scudetto. Domani non faremo assolutamente un modulo con la difesa a tre: sarà una partita diversa dall’andata, è stata una delle nostre partite migliori della stagione all’andata.