Inter, conferenza stampa Spalletti: “Siamo cresciuti e riconosciamo in nostri errori. Abbiamo lasciato per strada troppi punti”

Inter conferenza stampa Spalletti

Inter conferenza stampa Spalletti | Siamo alla vigilia del Derby d’Italia, una sfida importantissima per entrambe le squadre. La Juve perché con un solo punto di vantaggio sul Napoli rischi di essere scavalcata in questo finale di stagione, mentre l’Inter deve fare punti per ottenere una qualificazione in Champions l’anno prossimo.

Inter-Juve, conferenza stampa Spalletti

Cosa le dà fiducia domani? “La crescita di questa squadra. Sarà una gara durissima, ne sono consapevole, ma abbiamo imnparato a dialogare con i nostri difetti. Possiamo giocarci questo importante obiettivo“.

“Domani mi aspetto una prova importante. Chi pensa di nascondersi viene subito stanato. E’ una di quelle gare che meritano responsabilità e giocate che fanno la differenza. Prima e dopo la giocata illuminante si devono vincere i contrasti. Solo quella non basta. E in più affrontiamo la Juve”

Fare una gara come quella del Napoli a Torino? Diverse volte ci abbiamo provato. Se resti per un alto minutaggio vicino alla porta avversaria è più facile vincere. Tuttavia, vanno letti i momenti. Loro hanno calciatori che ribaltano l’azione facilmente, in grado di reagire anche se sotto attacco. Juve-Napoli non l’ho vista per interno, ma so di certo che i bianconeri sanno adattarsi sempre all’avversario. Allegri bravissimo a rimettere al centro del gioco la condizione tecnica e la qualità individuale del calciatore. Il più bravo di tutti nel leggere le partite

Dobbiamo sfruttare le palle inattive? A noi qualche gol da calcio piazzato manca. Loro hanno specialisti puri. Le potenzialità non ci mancano per fare gol in questo modo, ma sicuramente si può migliorare

Designazione arbitrali? I nostri sono preparati. Hanno dimostrato di studiare soluzioni nuove. La Juve ultimamente ci ha battuti quasi sempre, quindi le altre statistiche contano fino a un certo punto. Tutto è dipeso dalla loro qualità“.

Se rimpiango la gara di andata dove confermammo il primato in classifica? Nessuno ci aveva regalato nulla. In determinate partite qualche rimpianto c’è, ma è anche vero che qualche altra l’abbiamo vinta laddove in tanti avevano da ridire. Ora siamo cresciuti, più solidi perché abbiamo risolto dei problemi. Abbiamo comunque lasciato per strada punti che adesso avrebbero cambiato la classifica

Ultimo turno con la Lazio per un posto in Champions? Non è un peso. Sappiamo che abbiamo la possibilità di giocarci qualcosa di grandioso. Tornare in Champions per l’amore verso il club, i calciatori e non ultimo i fifosi. Vogliamo rimettere le cose a posto per la storia del club“.

Se mi aspettavo che Salah diventasse uno dei migliori al mondo? L’ho toccato con mano e lo so. So quanta qualità può esibire in una partita di calcio. Gli ripetevo sempre di accentrarsi, ma a lui piaceva giocare largo. Direi che si sia reso conto quale deve essere la sua posizione di partenza. Ha ancora margine. Ama il suo lavoro e i compagni di squadra. Vuole sempre mettere in campo tutto se stesso

Calciomercato24.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui