Calciomercato Torino, Cairo su Belotti: “Non mi risulta voglia andar via, servono 100 milioni”

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha parlato nel corso di un’intervista concessa a Tuttosport:torino cairo belotti

Notizie Torino, parla Urbano Cairo

“Al mio arrivo sono stato accolto in modo entusiastico, il salvatore della patria, l’uomo che salvava la società dal baratro: come potrei dimenticarlo? La situazione era critica, ma le difficoltà non mi hanno mai spaventato, in qualunque ambito sia sceso in campo. Tant’è vero che ho costruito la squadra in sei giorni e siamo tornati in serie A. Tutto quanto è venuto dopo lo sai: i due anni nel massimo campionato, la retrocessione, la risalita, la stagione europea con la vittoria di Bilbao, la speranza di acquisire una stabile dimensione continentale.

Tifosi delusi? Mentirei se affermassi il contrario. Sono abituato ad affrontare ogni situazione con realismo e comprendo lo stato d’animo della nostra gente. Tutti noi che amiamo il Toro ci aspettavamo di più. Però, vorrei ricordare gli anni bui, gli anni durante i quali, novizio del calcio, anch’io ho commesso gli errori grazie ai quali, tuttavia, ho maturato l’esperienza necessaria per non ripeterli. Vorrei ricordare che, ad un certo punto, per un anno non ho più messo piede allo stadio, essendo diventato il bersaglio di insulti e contestazioni divenuti insopportabili.

Lo sai che per molto tempo sono stato costretto a presentarmi a Torino sotto scorta della Digos? La decisione di non andare all’Olimpico nacque anche dalla volontà di evitare che le proteste nei miei confronti influissero sullo stato d’animo della squadra, condizionandone il rendimento. Posso assicurarti che non è stato per niente facile.

Mercato Torino: Cairo su Belotti

“Ha soltanto bisogno che la jella dimentichi il suo indirizzo di casa. Io difendo Belotti perché la sua stagione è stata pesantemente condizionata dagli infortuni. Ricapitoliamo: pronti, via e si fa male. Torna dopo un mese e si fa male di nuovo. Poi riprende, ma gli strascichi degli infortuni non lo lasciano mai in pace. Belotti deve essere capito, aspettato, incoraggiato.

La sua posizione contrattuale è chiara: se si presenta un club estero e mette 100 milioni sul tavolo, Belotti lascia il Toro. Altrimenti, Belotti rimane. Io non ho mai vacillato sulla questione Belotti tanto che, all’inizio dell’ultimo mercato estivo avevo deciso in partenza di non cederlo. E così ho fatto.

Voglia di andar via? Non mi risulta assolutamente. Piuttosto credo di sapere quanta voglia di spaccare il mondo abbia in corpo dopo una stagione così altalenante”.