Juventus-Sampdoria è stata la partita della svolta per i bianconeri: complice il pareggio del Napoli al San Siro, il risultato è stato l’allungo a +6 in classifica. Le pagelle della Gazzetta dello Sport riflettono il momento

Juventus Sampdoria pagelle | La Gazzetta dello Sport celebra l’allungo Scudetto con voti ampiamente sopra la sufficienza tranne in un solo caso: Paulo Dybala. La Joya è apparso anche ieri il fantasma di se stesso, un pesce fuor d’acqua in una squadra che gira alla perfezione. Situazione completamente opposta invece in casa blucerchiata: la splendida prestazione della Juventus non può far passare in secondo piano il fatto che la Samp si sia espressa a livelli molto inferiori rispetto alle sue potenzialità.

I voti della Juventus

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon 7; Howedes 6.5, Rugani 6, Chiellini 6, Asamoah 6; Pjanic 6, Khedira 7, Matuidi 6; Cuadrado 6.5, Mandzukic 7, Dybala 5.5 / Bentancur 5, Douglas Costa 8, Sturaro s.v.

Il migliore – DOUGLAS COSTA

L’uomo della svolta è l’ala di una volta, tutta dribbling, accelerazioni e
cross. Il perfetto interprete dell’antico detto “passa all’ala”. Regala tre assist e in alcune occasioni sfiora il gol (che avrebbe meritato). Allegri è bravo a non ingarbugliarne troppo i pensieri, lo lascia libero il giusto.

Il peggiore – PAULO DYBALA

Paulo si è fermato al Real, nel senso della partita di andata a Torino. Vorrebbe, ma non ce la fa: un po’ perché la Samp è brava ad affollare i suoi sentieri abituali, un po’ perché la voglia di fare lo porta a strafare e sottrae lucidità. Non vive un’involuzione, è dentro una fase di stanca

I voti della Sampdoria

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano 5.5; Sala 4, Silvestre 5, G.Ferrari 4, Regini 4; Praet 5, Torreira 5.5, Barreto 5; Ramirez 4.5; Quagliarella 5.5, Zapata 5.5

Il migliore – DUVAN ZAPATA

Non c’è un migliore nella Samp vista allo Stadium. Obbligati a indicarne uno, scegliamo Zapata perché se non altro il colombiano ha impegnato Buffon per un paio
di volte, anzi agli sgoccioli l’ha costretto a un grande intervento. Il discorso però è rovesciabile: e se l’ultimo fosse un gol sbagliato?

Il peggiore – JACOPO SALA

Pessimi i difensori della Samp ieri e se esponiamo Sala alla gogna del peggiore, è solo per sottolineare la travolgente prestazione di Douglas Costa. La furia del brasiliano si è riversata in gran parte sul povero terzino destro doriano, ma si difende di squadra e insomma, la colpa è di tutti.