Real Madrid, Zidane ha parlato in conferenza stampa presentando i temi della gara di domani contro la Juventus al Bernabeu.

real madrid zidane

Il tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Juventus. Gara di ritorno, che, dopo lo 0-3 dell’andata, presenta comunque insidie da non sottovalutare secondo l’allenatore francese. “Non mi interessa una finale con il Barcellona. Penso solo a fare una grande partita domani. A cio’ che dobbiamo fare per superare il turno. All’andata abbiamo fatto bene, ma siamo solo a meta’ del percorso”.

Zidane ha anche parlato dell’astinenza dal gol di Benzema. “E’ sempre concentrato e sta bene, ma anche lui vorrebbe segnare di piu’. Vallejo? Non ci sono problemi, ha fatto un buon allenamento. Meglio in Champions che in Liga? Non me lo spiego. Noi giochiamo sempre per vincere tutto. E il mio ricordo piu’ bello resta quello della vittoria della Liga. Anche se quando pensi alla Champions e al Real Madrid, pensi a qualcosa che nessun altro ha mai fatto”.

Ultime Real Madrid-Juventus, le parole di Zidane

Il Real e’ tornato a far bene in un momento particolare, secondo Zidane. “Quando siamo tornati a segnare tre, quattro gol a partita. Abbiamo affrontato un mese e mezzo di difficolta’, ma adesso stiamo bene. E poi non si tratta solo di segnare, ma anche di subire meno e avere maggiore regolarita’. Ronaldo erede di Di Stefano secondo Perez? Cristiano c’e’ e io sono felice. Un giorno tutto il mondo si ricordera’ di lui e solo a Madrid i tifosi lo ammirano”.

Zidane dice la sua anche sul confronto tra Italia e Spagna. “Non credo che il calcio italiano sia debole. In Liga ci sono partite difficili e il livello e’ alto in Spagna. Real favorito per vincere la Champions? Mi interessa far bene sul campo. Dobbiamo rispettare tutti. Contro l’Atletico avremmo potuto perdere e non me lo spiego. Nel calcio una giocata cambia tutto. E noi non abbiamo ancora vinto niente. Ultima di Buffon? E’ una grandissima persona, ma noi vogliamo eliminare la Juve. Non conosco il suo futuro. Resta un grande per quello che ha fatto e quello che e’. Le quattro finali? Ci manca solo una finale: domani. Poi vogliamo terminare bene la Liga. Varane? Non deve dimostrare niente, sta facendo bene”.