Notizie Roma, El Shaarawy: “Barcellona? Non abbiamo nulla da perdere”

Stephan El Shaarawy, attaccante della Roma, ha parlat nel corso di un’intervista concessa al sito della Uefa:calciomercato roma el shaarawy

Ultime Roma, parla El Sahharawy

Sui suoi modelli di ruolo da bambino.
“Il mio primo idolo era Ronaldinho quando era a Barcellona. Ricordo di aver visto i video perché amavo davvero le sue qualità. Ho sempre cercato di imparare qualcosa da lui e metterlo in pratica a casa. Ma il mio più grande idolo era Kaká, sia come giocatore che come persona. Lo tenevo in grande considerazione, in particolare quando giocava per il Milan. Quando ero piccolo, mi confrontavo con lui sulla capacità di dribblare in velocità. Ho avuto la fortuna di giocare con lui a Milano. Come persona, era proprio come mi aspettavo: un ragazzo buono e umile”.

Sulla Roma

Sul suo arrivo a Roma.
“Appena arrivato, sono riuscito a parlare in campo. Questa è stata la cosa più importante perché stavo venendo fuori da sei mesi non molto positivi a Monaco e sono riuscito a ribaltare la situazione molto velocemente segnando parecchi gol e con buone prestazioni. Ora sto tornando al mio meglio, sia fisicamente che mentalmente. Roma è una delle città più belle del mondo. Sono stato molto contento di entrare a far parte della squadra fin dall’inizio, in parte perché conoscevo già parte della squadra. Sono stato in grado di integrarmi facilmente e tutti i ragazzi che lavorano a Trigoria sono brave persone, quindi sono davvero atterrato in piedi. Sto bene e sono felice“.

Sulla sua collezione di maglie.
“Ho tante maglie. Ho un muro a casa, che ho pubblicato sui social, dove ho tutte le mie magliette, o almeno quelle che significano di più per me. Appartenevano ai migliori giocatori con cui ho giocato contro: Neymar per il Brasile, Messi per l’Argentina e Barcellona, ​​Francesco Totti e la prima di Kaká – che mi ha regalato dopo la prima partita tra Milan e Real Madrid in cui ho giocato. Appartenevano a giocatori che hanno fatto la storia”.

Sulla UEFA Champions League e il suo debutto…
“È la competizione più importante, insieme alla Coppa del Mondo. Penso che sia il sogno di ogni giocatore di giocarci e sperimentare quelle notti, che sono così speciali, soprattutto perché il mondo intero ti sta guardando. Ecco perché è meraviglioso quando riesci ad andare lontano e vincere partite, o addirittura finire in testa al gruppo come abbiamo fatto quest’anno. Quelle sono cose che rimangono con te per il resto della tua vita”.

Sul Barcellona

La partita col Barcellona.
“Sappiamo che sarà molto difficile giocare contro il Barcellona al Camp Nou, ma non abbiamo nulla da perdere. Dobbiamo cercare di mostrare il nostro spirito, lavorare sodo e sfruttare tutte le possibilità che otteniamo. Dobbiamo essere consapevoli che si gioca in oltre 180 minuti. Dovremo cercare di ottenere un buon risultato a Barcellona, ​​ricordando che c’è ancora la partita in casa. Dovremo essere attenti in termini di come giocano la palla, mantenendo il possesso e le giocate che Messi ha in mente. È il miglior giocatore al momento, e non sto parlando solo del Barça, ma di tutto il mondo. Siamo contro il meglio e ogni volta che ha la palla, può far succedere qualcosa. Ecco perché dovremo cercare di agire di conseguenza e limitare la sua influenza il più possibile”.

Sulla partita in casa.
“C’è sicuramente molta eccitazione e entusiasmo per questa partita, perché è una serata che tutti vorrebbero provare. Tutti vogliono giocare in questo tipo di partite. Tuttavia, prima di tutto speriamo di ottenere un buon risultato a Barcellona per far accendere i tifosi nella gara di ritorno. Tutti dicono che non siamo i favoriti e questa è la verità. Tuttavia, nessuno ci ha dato molte possibilità di vincere il girone, quindi dobbiamo dimenticare quello che pensa la gente”.