Gasperini Atalanta Inter | Il tecnico che tanto bene sta facendo a Bergamo si racconta in un’intervista a Tuttosport: nel mirino Borussia e Juventus

gasperini inter atalanta

Gian Piero Gasperini sta facendo benissimo all’Atalanta. I nerazzurri si apprestano a un tour de force non invidiabile ma è al tempo stesso il “bollino” di qualità del lavoro svolto finora, in quanto ancora impegnati su tre fronti. “È una cosa che carica l’ambiente”, spiega Gasp a Tuttosport, “e non vogliamo rinunciare a niente, lotteremo per tutte le competizioni. L’idea era intervenire sul mercato per ampliare la rosa ma va bene anche così, ci proveremo a fare sempre bella figura”.

L’impegno è di quelli importanti, soprattutto nella doppia sfida col Borussia: “Non dico che ci qualificheremo, ma giocheremo al meglio, questo sì. Poi gli obiettivi in una stagione arrivano strada facendo. Anche col Napoli dovevamo uscire dalla Coppa Italia e poi sapete com’è andata. La squadra gira bene indipendentemente da chi gioca: giovedì non ci saranno Gomez e Caldara ad esempio, ma la base data dal gruppo è più importante dei singoli”.

Il gruppo come base e ideale fondamentale, visto che spesso i singoli migliori vengono poi venduti sul mercato: “Non posso lamentarmi. È il progetto Atalanta ed al massimo posso non essere d’accordo con quello. Ma quando ti dicono che le cessioni servono a finanziare strutture di livello o tenere i conti in salute e pagare tutti gli stipendi, come si fa a non essere d’accordo”?

Infine, uno sguardo alla sua carriera, non mancando di lanciare una stoccata all’Inter: “Qui sto facendo quello che ho fatto anche al Genoa, ma senza riconoscimenti mediatici. Lì mi stimavano solo i tifosi. Ct della Nazionale? Non avrei difficoltà, anche se si tratta di un altro mestiere. Guidare un big? Non lo so, non sono mai stato in una grande squadra. L’Inter? Ma mica era una grande squadra quando ci sono andato io“.