Le parole di Gattuso

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan, è intervenuto in occasione della conferenza stampa in vista della partita di domani contro l’Udinese. Queste le sue dichiarazioni

“In questo momento la bravura della squadra è di essere rimasti compatti, ho bisogno di tutti, bisogna essere una squadra. La società mi ha sempre detto di voler prendere qualcosa sul mercato ma io ho risposto che andava bene questo gruppo. Bisogna fare una grande partita, perché è una squadra fisica, verticalizzano bene e non bisogna sbagliare nulla. Nelle ultime nove partite hanno fatto venti punti”.

Su Oddo

“Con Massimo abbiamo condiviso tanto, personaggio intelligente, lo dimostra il fatto che si è laureato, ha una bella testa. Ci sentiamo spesso, abbiamo condiviso tante cose belle. Gli è anche arrivata qualche cinquina perché io più di lui sentivo molto le partite. “Devo capire la squadra come reagisce a giocare ogni tre giorni. Per esempio non mi è piaciuto il primo tempo con la Lazio, nella ripresa invece siamo cresciuti, dopo l’Udinese giocheremo ogni tre giorni e devo capire come reagisce la squadra”.

Su Andre Silva titolare

 “Può essere, può succeder. “Il primo reparto che deve difendere è l’attacco, ci aiutano tanto, ci lavoriamo tanto. Lavoriamo sulle palle preventive ma sono i ragazzi che mi danno tanto durante la settimana. Ho uno staff preparato, la strada è lunga ma convinzione nei miei mezzi. Leggo poco i commenti sia positivi che negativi”.

 Su Conti

“Sta facendo blocchi di lavoro con noi, comincia un po’ ad avere sensazioni positive ma è ancora presto, può cominciare a fare tutto con la squadra tra un mese. Poi quando giocherà non lo so, è ancora presto e non bisogna avere fretta”. Sulla rincorsa: “Non abbiamo fatto ancora nulla, non dobbiamo pensare di essere belli, alti e biondi, ma dobbiamo essere brutti come la mia faccia, neri come Calimero e con le occhiaie”.