tacconi vicini brighenti babacar
Stefano Tacconi Azeglio Vicini | L’ex portiere, di ritorno dal funerale dell’ex ct , ha dato spettacolo in macchina assieme al suo vice Stefano Brighenti

Stefano Tacconi e Brighenti si sono prodotti in rivelazioni che faranno discutere, soprattutto per i destinatari (Vicini e Babacar) e la tempistica. A cominciare dall’ex portiere bianconero: “Vicini era comunista, io ero fascista. Ecco perché non giocavo in Nazionale”. Un attacco postumo, visto che l’ex ct delle notti magiche di Italia ’90 è venuto a mancare nei giorni scorsi.

Altrettanto pesante l’attacco che il suo vice, Stefano Brighenti, riserva a Babacar, di recente passato tra le fila del Sassuolo: “Quando ero a Modena, facevo il presidente onorario, prendemmo quattro giocatori neri, mi sembrava impossibile che fossero da settore giovanile. Sono andato a controllare e avevano documenti finti. Avevano tutti quattro anni in più. Uno di quelli si chiamava Babacar, l’abbiamo tenuto anche se era fuori età”.