Napoli, Sarri: “Brutto secondo tempo, abbiamo limiti mentali nelle coppe. Ounas? Deve migliorare in fase difensiva”

| 02/01/2018 23:49

Le parole di Sarri

Maurizio Sarri, allenatore della Napoli, è intervenuto in occasione della conferenza stampa alla fine del match perso con l’Atalanta per 1-2. Queste le sue dichiarazioni.

Secondo tempo senza cambio di marcia? Non me lo spiego, abbiamo fatto un buon primo tempo di ripartenze velenose e cattive, nel secondo tempo siamo stati distratti e sulle punte. Mi preoccupa un po’ sinceramente, brutto secondo tempo dopo il primo di buon livello dove non abbiamo concesso niente e creato qualcosa. Se concedi qualcosa a livello di applicazione e attenzione a una squadra che ci infastidisce anche quando siamo al 100%, la paghi. Non so perchè è successo, quest’anno in Serie A non stiamo avendo questi problemi, nelle coppe invece sì. Potrebbe esserci una radice mentale o non riusciamo ad esprimerci a livelli mentali elevatissimi a ripetizione come chiede il calendario o diamo importanta a una manifestazione più delle altre, in tutti i casi è un limite”.

Voto ad Ounas? “I voti mi stavano fortemente sui co**ioni anche a scuola, non li darei mai! Ha fatto una prestazione con fiammate offensive di discreto livello, non ha giocato bene in fase difensiva”.

Sul turnover..

 “Turnover? Questa è una partita a rischio 120′, in questo momento della stagione non posso mettere a questo rischio giocatori che han già fatto 30 partite in 4 mesi di calendario. Non volevo correre questo rischio, era deciso che Callejon e Hamsik si alternassero a Mertens e Insigne così che giocassero tutti 60′. Nel regolamento, scarta la quarta sostituzione in Inghilterra: serve anche la quinta in caso di 120′. E’ la stupidità del regolamento. Permetterebbe a voi di vedere giocatori forte e a noi di ruotare”.

Mi preoccupa l’Atalanta? Ci infastidisce togliendoci ritmo, è più fisica di noi e ci costringe a rincorse e va via con palla lunga. Quando ha il possesso, ha buone qualità di palleggio e ci infastidisce in maniera forte. Non possiamo sbagliare niente per fare risultato, contro l’Atalanta facciamo fatica e col secondo tempo di stasera non ne verremo fuori neanche in campionato”.

Troppe partite..

Difficoltà nel giocare a Natale? Sinceramente non trovo difficoltà a preparare le partite, è chiaro che è un momento a rischio. E’ un momento a rischio perchè i giocatori vivono con persone in festa, loro devono invece giocare ogni tre giorni. Devi lavorare con cattiveria e ti distraggono atrocemente le persone attorno a te in festa. Ti distrae, sono partite a rischio finchè non ci abitueremo. Non abbiamo sbagliato per applicazione, forte nel primo tempo secondo me ed è difficile pensare che ci siamo arrivati senza testa. Non mi è  piaciuta però la reazione alle avversità della partita, non penso si è sbagliato l’approccio”.


Continua a leggere