Gianpiero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, è intervenuto in occasione della conferenza stampa in vista della partita di domani in Europa League contro il Lione.

Le parole di Gasperini

Avere due risultati su tre a disposizione condizionerà la partita? “Partiamo sicuramente da una buona situazione. Il risultato a disposizione condiziona il tipo di gara, partiamo da un piccolo vantaggio e poi giochiamo in casa. Il Lione è pericoloso, ma è normale considerare i risultati a disposizione”.

Su Cornelius: “Chi gioca in Nazionale è conosciuto. Cornelius è un attaccante al primo anno, non è facile inserirsi subito ma lui lo sta facendo con buoni risultati. Se arriverà al Mondiale sarà pronto”.

L’Atalanta sente il peso di portare in alto il nome dell’Italia dopo la mancata qualificazione al Mondiale? “All’inizio del girone eravamo la Cenerentola e abbiamo cercato di portare in alto il nome del campionato. L’eliminazione è stata dolorosa per il nostro calcio, ma anche l’Argentina ha rischiato. Il calcio si è evoluto e porta alla ribalta altri Paesi. Quello che è successo deve servire per rifondare e riprenderci in futuro”.

Sulle difficoltà del match d’andata: “La valutazione dell’avversario è importante. Ho visto molte partite recenti del Lione, è una squadra di valore che può puntare alla competizione con le giuste ambizioni. Abbiamo due risultati, la possiamo interpretare in più modi e abbiamo la possibilità di testare il nostro valore per poi mettere in pratica con i prossimi avversari. Non snatureremo le caratteristiche della squadra. All’andata siamo andati in difficoltà nel primo tempo, meglio nel secondo. Abbiamo affrontato Juve, Napoli e Roma, il Lione è a questi livelli”.

Sull’eventuale turnover: “Niente turnover. È una partita importante per noi, non siamo abituati ad affrontare partite decisive e dobbiamo provarci”.

Sull’avversario: “Andata era evidente che la squadra era forte arrivava da risultati non positivi ma da quel momento ha cambiato marcia. A parte il prestigio di arrivare al primo posto è una preparazione di una partita decisiva, dobbiamo giocarla con concentrazione, come se fosse determinante per il passaggio del turno”.