Valencia, Zaza: “Sto bene, voglio superare i 15 gol. Conte uno dei migliori al mondo”

| 24/11/2017 12:20

Simone Zaza, attaccante del Valencia, è intervenuto ai microfoni di Tuttosport. Ecco quanto evidenziato da Calciomercato24.com: “Sto bene. Messi? Vabbé, lui non conta (ride, ndr). È un extraterrestre. Mi piacerebbe scambiare la maglia con lui perché non ce l’ho nella mia collezione e, poi, perché è il migliore al mondo.

Sulla partita contro il Barcellona

È una partita importante e bellissima perché anche noi arriviamo in un buon momento di forma, siamo secondi e stiamo giocando bene. Ci sarà da divertirsi. Sono migliorato tanto, soprattutto a livello mentale. Merito della squadra che mi sta aiutando, ma anche della città e dei tifosi che mi hanno accolto come uno di loro. È l’unico club ad avere avuto fiducia in me quando stavo attraversando una brutta situazione. Mi hanno dato un’opportunità e spero di poter ricambiare. È sia un fine che un mezzo”.

A questo punto, però, spero proprio di superare i 15 gol, ma soprattutto continuare a godere del calcio dopo il brutto anno che ho passato”.

Vincere il campionato? Mancano ancora tantissime partite, meglio riparlarne a marzo. Per adesso, l’obiettivo è entrare in Europa”.

Nostalgia di casa? Sinceramente no. Seguo la serie A e un giorno mi piacerebbe ritornarci. Per il momento sto bene qui”.

Sulla Juventus…

Giocare nella Juventus è stata una bellissima esperienza, non rinnego nulla. E per quanto riguarda Allegri, è stato sempre chiaro con me. C’erano tanti altri campioni. Potrò sempre dire di aver fatto parte di una grandissima squadra”.

Il miglior allenatore che ha avuto in carriera…

Il primo a farmi sentire giocatore di Serie A è stato Di Francesco. Mi ha insegnato tanto sia a livello di calcio giocato che umano. E poi mi sono trovato benissimo con Conte, secondo me, se non il migliore, uno dei migliori al mondo. E adesso anche con Marcelino”.

Marcelino? Non è stato facile capire subito quello che voleva da me. È un tipo sincero e dice le cose come stanno. Io, molte volte, sbaglio nei comportamenti, ma credo che, senza mancare di rispetto a nessuno, sia giusto dire le cose in faccia. I problemi si risolvono così”.


Continua a leggere