L’avvocato della donna molestata da Tavecchio: “Alle Iene mi faceva pene, ora invece…”

| 22/11/2017 11:00

Michele Cianci è l’avvocato coinvolto da una ex dirigente della FIGC in merito alla questione delle presunte molestie sessuali di Carlo Tavecchio. Intervenuto ai microfoni dei colleghi del Corriere dello Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni.

Le parole dell’avvocato Cianci:

“La signora mi ha visto in tv, a “Domenica Live” è ha capito che potevo essere io l’avvocato che fin lì aveva cercato in vano. Io amo le battaglie. La prossima settimana formalizzeremo la denuncia, penso giovedì. L’agenzia da me incaricata sta facendo le trascrizioni dei file video e audio relativi agli episodi in questione. C’è molto materiale, non solo quello riportato dal Corsera: messaggini, proposte e richieste di foto osé… Perché la signora ha aspettato ora a denunciare? Semplice, perché non c’è più il timore reverenziale verso il presidente. Si figuri che quando ho visto Tavecchio a Le Iene ho provato tenerezza. Quando ho visto il filmato che mi ha portato la signora invece…E dire che molti colleghi hanno declinato il mandato, perché l’episodio risale a oltre 6 mesi fa, tempo limite per denunciare questo tipo di reato.

Ma sto valutando che dentro la lunga registrazione non ci sono solo gli estremi per una denuncia per molestie ma anche secondo me per altri tipi di reati. E intanto il presidente diceva: “Vieni qui, siamo al sicuro, io questo ufficio lo faccio bonificare molto spesso!”. Aggiungo un altro particolare: dell’intera vicenda era a conoscenza il compagno della signora, anche lui frustrato dall’impossibilità di poter intervenire. Io ho il dovere di tutelare in tutto e per tutto la signora. Fino a quando non procederemo formalmente, terremo il riserbo dovuto per una simile situazione. Dopo nessuno avrà bisogno di evitare di affrontare le questioni apertamente. Certo che mi sento particolarmente coinvolto: sono un grande tifoso della Nazionale. E quello che è accaduto è un brutto colpo”.


Continua a leggere