Assocalciatori, Tommasi: “Mi chiedono di far fermare il campionato, mi auguro che Tavecchio non vada avanti”

| 17/11/2017 08:25

Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori, è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Ecco quanto evidenziato da Calciomercato24.com: “Sei anni fa, quando scioperammo in Serie A, avevamo tutti contro. In questi giorni ricevo numerosi messaggi da parte dei tifosi che mi chiedono di fermare il campionato finché Tavecchio e gli altri non si dimettono”.

Di solito l’unico modo per fare valere le nostre ragioni è non giocare, ma in questo caso non so nemmeno se ci siano le coperture sindacali. Comunque mi auguro che lunedì ci sia una presa di coscienza e che Tavecchio non abbia la maggioranza per andare avanti. Noi ci saremo chiederemo le dimissioni del consiglio”.

Bisogna azzerare il consiglio federale e convocare nuove elezioni. Questo è il primo passo per qualsiasi discussione. L’ho detto chiaramente in riunione ma le altre componenti vogliono sentire le proposte di Tavecchio, cioè a loro va bene ripartire con le stesse persone e le stesse logiche. A noi no”.

Cosa succederà lunedì?

Ho la quasi certezza che si cercherà di avere il consenso attraverso una redistribuzione delle risorse e degli incarichi, anche grazie alla nuova Melandri che consente alla Figc di distribuire i fondi. La conta dei voti è la cosa che lascia più sgomenti. Pensare di andare avanti con questa governance, dopo quello che è successo, vuol dire non avere senso delle istituzioni”.

Il contesto è eccezionale. È vero che la Federazione è un ente privato. Ma, a parte il fatto che se lo fosse davvero avrebbe altre dinamiche, bisogna rendersi conto che la Figc e la Nazionale sono fatti pubblici e, come tali, vanno vissuti con responsabilità. Il limite di tutto lo sport italiano, non solo del calcio, è che il consenso è dato da chi è destinatario delle risorse. Ma così facendo ci sarà sempre maggiore disaffezione della gente rispetto ai ruoli di rappresentanza”.

 


Continua a leggere