L’edizione odierna de La Repubblica parla di una Fiorentina sotto tono e poco invogliata dall’ambiente

Fiorentina impantanata nel campionato più mediocre dai tempi di Sinisa. Poca gente allo stadio e Della Valle altrove: tra passi indietro e passi di lato che nemmeno al campionato regionale di danze caraibiche di Montecatini Terme. Ormai in tour ci va solo Giancarlo Antognoni, che presenzia eventi più o meno top e usa parole misurate e positive. Parola d’ordine: pazienza. L’unica certezza è che intorno a Natale accadranno molte cose, prima fra tutte la verifica del lavoro fatto da Corvino, Cognigni, Freitas e quindi Ramadani in qualità di consulente preferito sul mercato. Insomma, come sono stati spesi i soldoni incassati dalle cessioni, quelli che hanno permesso al direttore generale di ottenere in automatico il rinnovo del contratto ancora prima di finire le trattative? Il confronto sarà serrato, e Pioli avrà voce in capitolo. È chiaro che molto dipenderà dai risultati che la squadra metterà insieme da qui ad allora. Per non parlare della gestione della comunicazione. Di sicuro Adv rientrerà in gioco solo se potrà annunciare buone novità sul futuro.