José Altafini, doppio ex di Milan e Napoli, ha rilasciato un’intervista ai microfoni dei colleghi del Corriere del Mezzogiorno.

Le sue parole:

“Non è un Napoli-Milan d’altri tempi, quello delle lotte scudetto. Il Napoli è in grande forma ed è una delle candidate per le vittorie del tricolore. Il Milan è in difficoltà, la classifica parla chiaro. Il Napoli è la squadra che esprime il miglior calcio in Italia. Il problema della squadra di Sarri è che non ha molti ricambi e alla lunga ciò può produrre difficoltà. Sono, però, abituato a valutare gli equilibri dei campionati nei mesi di marzo e aprile, quando la classifica si delinea in modo più chiaro e cresce il peso specifico di tutte le partite. Milik era un’alternativa nel gioco del Napoli, Mertens è la soluzione ideale negli equilibri della formazione di Sarri che si esprime senza dare punti di riferimento.

Il Napoli fa grande movimento, il gioco espresso è la sua risorsa più importante, quella in cui Mertens, Insigne e Callejon si calano in maniera brillante sfruttando le loro caratteristiche. Credo che Mertens ce la farà ad avere continuità ma sicuramente alla lunga la penuria di ricambi in attacco può incidere. Nel Milan vedo che Kalinic si muove poco, tocca pochi palloni, però, ha segnato in Nazionale e, quindi, vuol dire che fisicamente sta bene. Montella ha a disposizione un centravanti come Andrè Silva, che ha una media gol incredibile, non capisco perché trova così poco spazio”.