Suso, fedeltà Milan: “Sono felice in rossonero, vorrei restare a lungo”

| 26/10/2017 14:50

Suso nel futuro vede il Milan

Suso ha le idee chiare per il futuro. Il giocatore del Milan, che ha appena rinnovato il proprio contratto con i rossoneri, è stato indicato a più riprese come possibile sacrificato sul mercato in caso di mancato accesso alla prossima Champions League.

Lo spagnolo è però di idea diversa. Ecco quanto brevemente dichiarato dopo il successo della squadra di Montella contro il Chievo: “Qui sono felice, voglio rimanere a lungo. In più Fassone non mi ha detto niente a riguardo. Penso di aver dimostrato la mia crescita, ma voglio migliorare ancora molto. Gli avversari mi chiudono il sinistro e in allenamento sto studiando movimenti diversi, e con Kalinic stiamo lavorando a diverse soluzioni”.

L’attaccante ha poi aggiunto in conferenza stampa: “Contro la Juventus sarà importante non perdere, dovremo giocare da squadra. “Un po’ di preoccupazione c’era, ma con i tre punti di Verona andiamo avanti. Daremo tutto contro la Juventus e se segno a Buffon andrò a casa a piedi… anche perché abito a 50 metri dallo stadio. Calhanoglu? Non è stato facile per lui cambiare ambiente, non parla la lingua e non riesce ad esprimersi. E’ capitato anche a me in Inghilterra. Ma può aiutarci e lo dimostrerà”. 

Sulla Juventus: “Conosciamo la formazione bianconera, è una squadra forte. Dobbiamo dare il 100%, ma la vittoria di ieri ci ha fatto bene. Abbiamo più fiducia e dobbiamo arrivare a sabato per giocare da squadra, compatti. Poi lo faremo a San Siro, nel nostro stadio. Contro la Juve può succedere di tutto. Loro sono molto organizzati, ma noi dobbiamo essere uniti e, quando avremo la palla, dovremo provare a giocare e prendere almeno un punto.

Penso che loro siano più forti di noi, altrimenti gli saremmo avanti in classifica. A San Siro con le piccole dobbiamo vincere, con le grandi può succedere di tutto. Penso che sabato non dobbiamo perdere, altrimenti diventa troppo difficile. Ma tutti vogliamo vincere sabato, ma un pareggio è il minimo”.

Su Montella: “Lui mi ha dato tutto. Noi siamo molto contenti con lui e fino all’ultima partita e fino all’ultimo minuto faremo di tutto”.


Continua a leggere