Adriano torna a parlare, stavolta ai microfoni di Conversa, dove ha promesso il rientro nel calcio professionistico a gennaio.

Il ritorno di Adriano

In realtà non c’era mai stato un ritiro ufficiale, ma era ormai sparito da tutti i radar: ora però l’Imperatore è pronto a riprendersi il suo trono, all’età di 35 anni ormai. “Mi sto preparando per un nuovo progetto e per ricominciare ad allenarmi di nuovo”, ha affermato l’attaccante ex Inter, “senza nessun club, per tutto il mese di gennaio. Da quando mi sono fermato, ho continuato a mantenere il mio corpo. Sono disposto a farlo, so che ho molta persistenza. Lo voglio fare per me, per dimostrare che posso spingermi ancora al limite e, a quel punto, dire se riesco o meno a continuare a giocare”.

Rimpianti e Saudade

“So che non sono riuscito a fare il massimo nella mia carriera, alcune cose mi hanno fatto stufare del calcio. Posso dire di essermi fermato a metà strada. Se non avessi avuto una famiglia strutturata come la mia, avrei facilmente potuto prendere la strada sbagliata. Mio padre prese una brutta botta in testa quando io avevo 10 anni. Che ne sarebbe stato di Adriano se mio papà fosse morto lì? Quando venne a mancare per davvero, sono stato molto male per molti mesi. Ero all’Inter ed ho preferito tornare in Brasile. Ero venuto in Brasile per una partita della Nazionale e nel frattempo sono tornato nella mia comunità, ho fatto una settimana lì: giravo scalzo, senza camicia, facendo il barbecue…per questo motivo scappai  dall’Inter”.