La Top 11 esuberi di CM24: ecco la nazionale degli esclusi di Serie A

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:50

a cura di: Simone Guadagno.

Mai come quest’anno, forse, sono tantissimi i giocatori messi ai margini della rosa. Non convocati, alla ricerca di una nuova sistemazione: veri e propri esuberi, sempre più lontani dai loro attuali club. Chiamiamoli traditori, pensiamo pure che siano mercenari attaccati ai soldi. Il calcio moderno, però, è anche questo. Nell’era dei super procuratori si rischia di trovarsi situazioni scomode, difficilmente risolvibili. Al via del campionato italiano, colui che sta facendo parlare di sé più di chiunque altro è, sicuramente, Keità Balde. L’esterno della Lazio ha rotto con Lotito e la dirigenza biancoceleste, a tal punto di decidere egli stesso quali offerte prendere in considerazione o meno. Ma andiamo con ordine. Noi della Redazione di Calciomercato24.com abbiamo stilato una vera e propria formazione di giocatori scaricati, non convocati e in rotta di collisione con i club. Il modulo scelto è un offensivo 4-3-3, con tanto di panchinari. Insomma, non abbiamo scartato proprio nessuno.

In porta, a difendere i pali, c’è sicuramente Karnezis, portiere greco in uscita dall’Udinese. Corteggiato dal Napoli di Sarri, il ragazzo ellenico aspetta news dal proprio agente circa il futuro prossimo. Sostituto d’eccellenza, in una situazione più che precaria, Marchetti. Con la valigia già imbarcata sui nastri della Premier League, l’ex azzurro è sempre più lontano dalla Lazio.

In una ipotetica difesa a quattro, spiccano due nomi del Napoli. Strinic e Tonelli, poco considerati dal tecnico Sarri e in uscita. Il primo è stato offerto a Fiorentina e Genoa, mentre il secondo è conteso da Chievo Verona e Sampdoria. Al loro fianco il Milan schiera Gustavo Gomez, paraguaiano che ha trovato pochissimo spazio con Montella. Per lui c’è la corte turca del Trabzonspor. Chiude la linea difensiva Spinazzola, sempre più vicino alla Juventus di Allegri. Il giocatore sta facendo di tutto per lasciare l’Atalanta, rifiutando anche un goloso rinnovo contrattuale. Staremo a vedere se Marotta affonderà definitivamente il colpo. In panchina, pronti ad entrare sul campo degli scartati, Paletta del Milan ed Avelar del Torino.

In mezzo al campo la lotta per i tre posti disponibili è serrata. Sono ben cinque i giocatori che si contengono un posto da titolare. Non può mancare, di certo, Crisetig, sulla lista dei partenti del Bologna, corteggiato dal Leganes. Il principe degli esuberi, però, resta El Principito Sosa, tesserato Milan ma fuori da ogni progetto della nuova dirigenza cinese. L’ex Napoli ha tanti estimatori in Turchia: potrebbe doversi affrettare a prendere casa in estremo Occidente.

A cercare nuova sistemazione è anche Konè. Il giocatore greco è diretto verso la Campania, più precisamente verso Benevento, dopo una stagione tra poche luci e tante ombre all’Udinese. Esuberi degli esuberi, seduti in panchina, troviamo Hiljemark, ragazzo svedese tesserato con il Genoa di Preziosi che ha già detto no al Benevento e Mati Fernandez, tornato alla Fiorentina ma già pronto a ripartire.

Ma è in attacco che c’è l’imbarazzo della scelta. Attaccanti d’area, giocolieri, ce n’è per tutti. Noi siamo riusciti ad individuarne ben otto. Giocoforza, anche noi siamo costretti a far accomodare qualcuno in tribuna. Partiamo con Niang, diventato un vero e proprio caso dopo il rientro dal prestito al Watford. L’esterno del Milan ha detto no allo Spartak Mosca ad affare ormai concluso e visite mediche già prenotate. Anche la Lazio, però, ha la sua grana. Come già anticipato, l’esubero per eccellenza è sicuramente Keità Balde. Roma, Inter, Napoli e mezza Europa hanno provato a dargli vitto ed alloggio ma il giocatore ha rispedito al mittente ogni proposta. Vuole soltanto la Juventus. E se Lotito non lo accontenterà è pronto a sedersi in tribuna per tutta la stagione, per poi partire a zero la prossima estate. Nella nostra speciale formazione c’è anche un altro laziale: stiamo parlando di Kishna. Il giocatore ha rifiutato le avances del neopromosso Benevento, spingendo per il trasferimento al Torino.

A bordo campo a scaldarsi abbiamo mandato due centravanti del Napoli a cui Aurelio De Laurentiis paga l’ingaggio senza guadagnarci nulla, il che è abbastanza strano. Si tratta di Zapata, reduce da un ottimo biennio in prestito ad Udine, e di Pavoletti, acquistato lo scorso anno dopo l’infortunio di Milik. Quest’ultimo non è mai riuscito ad entrare nelle geometrie dei piccoletti schierati in avanti da Sarri. Napoli aspetta sempre il suo primo gol. In tribuna, ahinoi, siamo costretti a far accomodare due che qualche anno fa facevano gioire i propri tifosi. Il primo, obiettivo del Cagliari per il dopo Borriello, è Djordjevic della Lazio; l’ultimo degli ultimi, invece, è Maxi Lopez, in scadenza con il Torino la prossima estate, accostato senza troppa insistenza al Genoa.

Ecco l’undici titolare da noi selezionato:

Karnezis; Strinic, Tonelli, Gustavo Gomez, Spinazzola; Crisetig, Sosa, Konè; Niang, Keità, Kishna.
All. Redazione CM24.