Juventus, il futuro di Kean

Juventus, cosa ne sarà di Moise Kean, sorprendente millennial bianconero? Se fosse solo per Marotta, il suo talento se ne rimarrebbe tranquillo a Torino, in attesa di crescere ancor di più.

I piani della dirigenza juventina per lui, infatti, sono semplici: rimanere per consolidarne il carattere e le doti tecniche. Preservarlo insomma dai rischi di delusioni rimediabili in altre piazze (stiamo parlando pur sempre di un 17enne) per poi mandarlo altrove. Moise Kean sarebbe quindi uno dei pochi prototipi di “club trained player” per cui la UEFA tanto sta spingendo ultimamente in prospettiva futura. Inoltre, la sua permanenza, consentirebbe a Marotta di gestire meglio due casi spinosi: il ritorno di Marko Pjaca dal suo infortunio ed il mancato arrivo di Patrick Schick dalla Sampdoria.

Peccato però che diversamente la pensi l’agente del calciatore, quel Mino Raiola che mai fa dormire sonni tranquilli ai club di mezz’Europa. Raiola vorrebbe infatti che Kean prendesse la sua strada senza pensare alla Juve, almeno per il momento. Sul piatto ci sono diverse offerte, tanto in Italia quanto all’estero. Zwolle e Ado den Haag, infatti, gli assicurerebbero già ora il posto da titolare in Eredivisie, ma anche Verona, Crotone e Bologna hanno fatto la medesima proposta al calciatore. La sensazione è che non finirà qui.

(fonte: Tuttosport)