Napoli, tutti contro Sacchi: “I top players ci sono, gli azzurri sono da scudetto”

| 01/08/2017 12:20

Tutti contro Sacchi

Ieri il veterano Arrigo Sacchi aveva sostenuto l’importanza per il Napoli di prendere dei top players, senza i quali non si può arrivare allo scudetto. Oggi tre esperti di vittorie e di calcio hanno dato il loro parere ai microfoni de Il Mattino. Ecco le loro dichiarazioni

Salvatore Bagni

E’ stato uno dei protagonisti del Napoli scudettato: “I grandi giocatori ci vogliono sempre, questo è fuori discussione. Caso mai la domanda potrebbe essere: ma quelli del Napoli sono buoni calciatori o top? Sono sufficienti per vincere in Italia? Per me i vari Insigne, Hamsik, Mertens sono di livello superiore rispetto alla media. Non sono Iniesta o Ibrahimovic ma nessuno in Italia ha questi elementi,il livello delle big siè tutto sommato livellato. Il Napoli è sullo stesso piano della Juventus, se non addirittura di poco superiore. Di conseguenza, se i bianconeri sono considerati ancora una volta i favoriti, non vedo perché non dovrebbe esserlo il Napoli. Gli azzurri sono da scudetto perché hanno cambiato pochissimo, segno evidente che Sarri e la società ritengono questo gruppo all’altezza di certi obiettivi”.

Emiliano Mondonico

Ex tecnico di Napoli,Torino, Fiorentina e Atalanta: “Sono convinto del fatto che oltre a poter vincere, Sarri ha la necessità di portare a casa lo scudetto per chiudere il cerchio. Se non dovesse farcela, si potrebbe sempre sostenere che la squadra è bella alimentandola polemica e diminuendo i meriti. Agli azzurri lo scorso anno sarebbe bastato subire meno reti: sono sicuro che Sarri sta lavorando molto sulla fase passiva, se non si migliora in difesa addio trofei. Il Napoli gioca per segnare una rete in più degli avversari, almeno quindici squadre vanno invece in campo per beccare un gol in meno. Come in tutte le cose, occorre equilibrio: ho l’impressione che rispetto alla passata stagione sia cresciuta l’autostima di Hamsik e compagni, lo step decisivo sarà quello di subire meno. La mia classifica per la prossima stagione è: Napoli, Juventus,Roma e Milan”.

 

Roberto Rambaudi

Chiariamo bene un concetto: cosa si intende per top player? Il campione o quello che fa la differenza? Secondo me il Napoli è messo abbastanza bene, nel girone di ritorno della passata stagione ha dimostrato di aver trovato una quadratura abbastanza efficace tra i vari reparti. Per puntare al tricolore, dovrebbe garantirsi ottime alternative: a destra ad esempio, Hysaj non è un tipo che eleva la qualità. Stesso discorso per un altro difensore centrale e soprattutto per il portiere: siamo sicuri che Reina possa garantire un rendimento top per tutto l’anno? Io andrei a migliorare questi ruoli per essere totalmente competitivo. Del resto, la politica del club è chiarissima: crescere oggi in casa i fuori classe di domani. Insigne, Rog e Diawara tanto per fare dei nomi, sono calciatori sui quali si vorrà fare affidamento per parecchi anni. Acquistare per acquistare non ha senso: ci sono top player disponibili in giro? Uno come Modric, che in questo Napoli starebbe alla grande, telo cederanno mai?”


Continua a leggere