Palermo, Bortoluzzi si candida tra il caos societario: Diamanti chiede serietà

| 30/05/2017 10:35

Il brillante finale di stagione targato Bortoluzzi  può solo amplificare i rimpianti di una stagione mal condotta e compromessa dalla situazione caotica della società, ormai destinata ad un cambio di gestione. 11 punti in 7 partite per questa squadra sono molti, magari un andamento del genere almeno 20 giornate fa avrebbe portato i suoi frutti. Il futuro del Palermo resta però nebuloso perché manca il requisito fondamentale per ripartire subito con un progetto vincente: l’operatività. Ad oggi, con una trattativa resa particolarmente complessa dalla natura degli interessi in gioco non c’è nessuno che possa prendere una decisione o indicare una linea programmatica precisa.

I rosanero avrebbero  bisogno immediatamente di impostare una ricostruzione, di sapere a quali dirigenti riferirsi, su quale budget contare.  C’è da impostare la prossima stagione, iscrivere la squadra, decidere il ritiro, capire cosa fare del settore giovanile.  Questo vuoto di potere durerà fino a che non si concretizzerà l’atteso closing, portando ad un effettivo passaggio di proprietà. Ed anche dopo, Baccaglini dovrà chiarire a che tipo di management vuole affidare la rinascita, e se Zamparini sarà davvero definitivamente fuori gioco, come richiesto a gran voce dalla città.

Le parole di Bortoluzzi

Intanto Bortoluzzi spera in una conferma, visto il buon lavoro fatto fino a questo punto. Ecco le sue dichiarazioni. «Uno dei motivi che mi hanno spinto ad accettare Palermo era cercare di costruirmi una credibilità per l’anno prossimo  adesso vediamo se servirà o meno. Il mio bilancio è positivo, non so cosa sarebbe successo se fossi arrivato prima, di certo sono contento della risposta che ha avuto la squadra».

Chi non ha avuto mezzi termini è Alessandro Diamanti, che dopo mesi di tira e molla, nel finale di stagione è stato promosso titolare e leader di una squadra povera di personalità e qualcosa ha prodotto.«Se qui si fanno le cose per bene io rimango, sono felicissimo dell’affetto che mi ha riversato Palermo nonostante una stagione che mi ha devastato mentalmente». 
Fonte Corriere Dello Sport.

Continua a leggere