Milan, Fassone riunisce i dipendenti del club: tutti verso un unico obiettivo

| 22/04/2017 10:10

Il nuovo amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, ha deciso di riunire tutti i dipendenti del club. Per condividere anche con loro il nuovo progetto. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport quello del nuovo ad è stato una discorso programmatico, ma con una linea guida attraverso cui costruire il futuro. Gli ultimi anni del Diavolo, infatti, sono stati caratterizzati da una sorta di diarchia.

E’ stata l’epoca del doppio ad, Galliani e Barbara Berlusconi. Avevano diverse aree di competenza, ma più volte sono entrati in rotta di collisione, alternando periodi di serenità nei rapporti ad altri di maggiore tensione. Il risultato è che in società hanno finito per crearsi due anime, che inevitabilmente hanno complicato la gestione quotidiana e quella a più largo respiro. Ebbene, non dovrà essere più così. Il nuovo Milan, insomma, dovrà avere un’unica direzione, ovvero il bene del club. “Riportare il Milan nell’Olimpo delle grandi d’Europa”, prevarrà su tutto. E, per raggiungerlo, servirà il contributo di tutti.

La nuova struttura del Milan

In questi giorni è stata ufficializzata la carica di responsabile dell’area tecnica e di direttore sportivo di Mirabelli, mentre è stata annunciata quella di Guadagnini come Chief Communications Officer. Si procederà in questo modo: identificando alcune macro-aree, da affidare ad un unico responsabile. Si procederà con cautela ed attenzione, ma non significa che chi c’era prima verrà sostituito. L’esempio è il settore giovanile, a cui sono stati riconosciuti significativi risultati.

E’ l’area che ha funzionato meglio negli ultimi anni, come dimostrano i tanti prodotti usciti dai campi del Vismara. Insomma, tutto lascia credere che si insisterà con Galli, come responsabile del vivaio, e Bianchessi, come direttore dello scouting. Intanto, ha tutta l’aria di essere definitiva la scelta di Baresi, come cosiddetta “bandiera” del club. Non a caso, nel nuovo organigramma, lo storico capitano viene indicato come “brand ambassador” e, nell’incontro di ieri, Fassone ha dato molto peso alla sua figura.


Continua a leggere