Intorno alle 13 sono arrivati i 370 milioni necessari per completare il passaggio di proprietà in casa Milan: Silvio Berlusconi lascia a favore di Yonghong Li, che diviene proprietario del Milan detenendone il 99,93% delle azioni societarie.

Yonghong Li è il nuovo patron rossonero

Il cavaliere lascia passa la mano dopo 31 anni di Milan, che passa ora nelle mani di Rossoneri Sport Investment Lux, società veicolo lussemburghese creata ad hoc dalla nuova proprietà. In realtà non tutto il capitale è stato versato dal nuovo patron: dei 370 milioni mancanti infatti, circa 180 arrivano dal fondo americano Eliot, che ha imposto un tasso di interesse dell’11%.

Il comunicato

“Fininvest ha oggi finalizzato la cessione alla Rossoneri Sport Investment Lux dell’intera partecipazione, pari al 99,93%, detenuta nell’AC Milan. La finalizzazione odierna dà piena esecuzione al contratto di compravendita firmato dall’amministratore delegato di Fininvest, Danilo Pellegrino, e da David Han Li, rappresentante di Rossoneri Sport Investment Lux, il 5 agosto 2016 e rinnovato il 24 marzo scorso”.

Le cifre

Gli estremi dell’accordo sono quelli resi noti a suo tempo e prevedono una valutazione complessiva dell’AC Milan pari a 740 milioni di Euro, comprensivi di una situazione debitoria stimata al 30 giugno 2016, come da intese fra le parti, in circa 220 milioni di Euro. A quanto incassato da Fininvest si aggiungono 90 milioni di Euro a titolo di rimborso dei versamenti in conto capitale eseguiti dalla stessa Fininvest a favore del Milan dal 1° luglio 2016 ad oggi. Gli acquirenti hanno confermato l’impegno a compiere importanti interventi di ricapitalizzazione e rafforzamento patrimoniale e finanziario di AC Milan.

Il nuovo asset

Nella giornata di domani, venerdì 14 aprile, l’Assemblea dei Soci dell’AC Milan riunita in prima convocazione provvederà, fra l’altro, a deliberare in ordine alla nomina dei nuovi organi sociali della società. Rossoneri Sport Investment Lux si è avvalsa di Rothschild & Co. come advisor per gli aspetti finanziari e degli Studi Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners e Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners per gli aspetti legali. Fininvest è stata assistita da Lazard e dallo studio Chiomenti rispettivamente per gli aspetti finanziari e per quelli legali. Milano, 13 aprile 2017″.