ESCLUSIVA CM24 – Perinetti: “Cessione Palermo tutt’altro che sicura. Ventura? La Nazionale segue le mie orme”

| 02/03/2017 19:00

Esperto dirigente che ha raccolto successi in tante piazze, Giorgio Perinetti è l’attuale direttore sportivo del Venezia. In carriera ha lavorato per anni al fianco di Zamparini, ricoprendo anche la carica di amministratore delegato del club rosanero. Ai microfoni di Calciomercato24.com ha fatto il punto della situazione sulla cessione del club siciliano.

Dopo quindici anni, Maurizio Zamparini lascerà il Palermo. Come giudica il suo operato in questi tre lustri?

“Sono un po’ sorpreso. Zamparini ha assicurato continuità rimanendo nel club, è una situazione in divenire. Con le sue dimissioni ha aperto le porte ad una cessione, vediamo se si concretizzerà e con chi perché del possibile acquirente non si hanno grandi notizie”. 

Zamparini ha detto che resterà all’interno dell’organigramma. Occuperà un ruolo di alto profilo?

“Al momento c’è lui e continua ad esserci lui. Ripeto, credo che le dimissioni da presidente rappresentino una mossa per favorire l’acquisto del club ma non credo che ad ora la cessione sia definita”.

Per lei deve essere una bella soddisfazione vedere Ventura alla guida della Nazionale con Belotti in attacco.

“Sicuramente. Anche perché la Nazionale ha un po’ seguito il lavoro che ho fatto a Bari. Prima Conte, ora Ventura. Sono felice anche per Belotti, un ragazzo italiano, serio e con voglia di arrivare. Sta realizzando gol alla pari di Dzeko e Higuain giocando nel Torino, mi sembra che stia facendo molto bene”

Come prosegue il progetto del Venezia e quali sono gli obiettivi per il futuro?

“Il progetto è quello di crescere e ci stiamo riuscendo. Ovviamente i risultati aiutano a crescere e quindi speriamo di centrare l’obiettivo promozione. In questo modo si darebbe al club la possibilità di assestarsi per dare creare strutture”.

Avete costruito una squadra importante per la categoria. Il primo posto però è anche frutto del lavoro di Inzaghi.

“Forse il Parma in sede di mercato ha fatto meglio di noi. Pippo è un ragazzo che ha grande passione e professionalità. Merita tutti i successi che spero arriveranno presto”.

A cura di Paolo Siotto


Continua a leggere