Il Codacons denuncia Facebook: minacce sessuali a Bebe Vio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:36

Bebe Vio, minacce su Facebook.

Bebe Vio, atleta paraolimpica, è stata oggetto di insulti a sfondo sessuale comparsi su una pagina di Facebook. La pagina è stata poi oscurata in seguito alla denuncia del Codacons. L’associazione dei consumatori ha presentato un esposto a Roma e Venezia per denunciare la mancata chiusura della pagina.

Tale pagina inneggia pratiche violente e sessuali nei confronti di una disabile, facendo leva sul suo stesso handicap. Questa pagina non rispetta gli standard del sito“.

Queste le parole del Codacons, al quale gli amministratori del Social Network avrebbero risposto che la pagina rispettava gli standard.

Riguardo a ciò è intervenuta anche la stessa Bebe Vio. Ecco le sue parole. “Ho già denunciato io gli autori di questa pagina perché bisogna dare un segnale forte in risposta a questi comportamenti violenti”.

Inoltre riguardo a questo evento si è espresso anche Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paraolimpico. Queste le sue parole.

“Apprendo con sgomento le minacce che sono state dirette ad una nostra atleta. È un gesto gravissimo, mi auguro che i responsabili vengano individuati al più presto. Ma soprattutto voglio che ci siano le giuste conseguenze per queste persone. È inaccettabile che la rete venga usate per queste azioni. Noi tutti siamo vicini a questa campionessa”.