Cina, il governo dice basta alle spese folli

Un fulmine a ciel sereno per il calcio in Cina da parte del governo. Secondo il Corriere dello Sport, il governo della Repubblica Popolare ha intenzione di mettere un freno alle spese folli nel calcio. Shanghai Shenhua, l’Amministrazione Generale dello Sport della Cina, ha deciso di introdurre un tetto ai salari e ai costi dei cartellini. Inoltre, c’è la volontà di controllare gli investimenti esagerati e supervisionare le finanze dei club. Inoltre, si vuole contenere i prezzi dei giocatori all’interno di un limite più ragionevole. Pronti anche i provvedimenti del caso. Giocatori e agenti che violeranno tali regolamenti saranno severamente puniti. I club, inoltre, dovranno reinvestire una percentuale dei soldi spesi nei giovani. Le squadre dovranno accelerare la crescita del settore giovanile al fine di alzare il livello complessivo del movimento.