Torreira avverte la Sampdoria

Lucas Torreira, centrocampista della Sampdoria e obiettivo di mercato di Roma e Siviglia, ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni alla Gazzetta dello Sport:

Due anni fa sono arrivato con un problema nel contratto ed è arrivato il momento di risolverloCome calciatore metto il cuore in campo ogni domenica per la Sampdoria.

Penso di meritare attenzione. Non voglio passare da cattivo, ho cinque fratelli che voglio aiutare in tutto e per tutto. La Sampdoria è parte importante della mia vita e ringrazio i tifosi per tutto l’affetto, senza di loro sarebbe stato difficile continuare. Prima di tutto sono una persona onesta. E’ l’ultima volta che parlerò di questo tema, il mio procuratore si occuperà di tutto nel rispetto del club e tifosi.

Venivo dalla Serie B e sapevo che sarebbe stato difficile giocare con continuità in una squadra con tanti giocatori di qualità. Ho vent’anni e sono molto felice di quello che ho fatto. Devo continuare su questa strada.

Derby? Ne ho parlato a lungo con mio padre, gli amici e con Laxalt. Il derby è stato semplicemente spettacolare. Un clima bellissimo, La città si divide in due. E’ stata la gara più bella che ho giocato in Italia.

 

La consapevolezza dell’uruguaiano

Rinnovo? Vedo che se ne parla molto. Io mi devo solo impegnare, lavorare tanto per crescere. La società e il mio procuratore se ne stanno occupando. Sono stato in vacanza, voglio tornare Genova e mettere tutto a posto per essere più tranquillo. Protagonista del mercato? Può essere perché ho fatto benissimo in quest’ultima annata. Ora voglio solo continuare a dare il massimo.

 In questo calcio devi essere sempre preparato a ogni cosa. Mi alleno ogni giorno al massimo per questo. Siviglia e Roma sono squadre molto importanti. Se un giorno dovrò andare in uno di questi club, farò certamente il massimo coma ho fatto finora. Ho sempre sognato di giocare in un grande campionato e la gente non si immagina quanti sacrifici abbia fatto con la mia famiglia per arrivare fin qui.

Se queste squadre si sono interessate a me è grazie ai miei compagni e allo staff tecnico, che ringrazio per il supporto e la fiducia. Il mio agente Pablo Bentancur vuole il meglio per me. Ripeto, con la società vogliamo trovare presto una soluzione per la mia tranquillità. Sono arrivato a Genova che non ero nessuno e se dovrò andarmene lo farò dalla porta principale.