Davide Santon si avvicina alla Sampdoria. Ci sono stati contatti anche in giornata fra il club di Ferrero e i nerazzurri: è arrivato il via libera da parte dell’Inter per l’operazione. Secondo l’esperto di mercato Alfredo Pedullà, l’affare potrebbe concretizzarsi in prestito con obbligo di riscatto. Il terzino 26enne andrà a rinforzare la difesa di Marco Giampaolo. Questo perché è ormai al capolinea l’avventura di Dodò con il club blucerchiato che ha bisogno di rimpiazzare il brasiliano. Santon sta riflettendo sul suo futuro: presto darà una risposta definitiva, le possibilità di un trasferimento sono in aumento.

L’ESTATE TORMENTATA E L’INIZIO STAGIONE

Ha vissuto un estate tormentata, essendo vicino prima al Napoli e poi al West Ham. Entrambe le trattative sono saltate causa visite mediche: per i due club il ginocchio di Santon era troppo fragile e non dava garanzie sulla sua condizione fisica, poi però è rimasto all’Inter dimostrando il suo buono stato di salute.

“Dai no di Sunderland, Napoli e West Ham alla maglia da titolare con l’Inter. Se mi sento un giocatore rinato? Proprio così – ha dichiarato Santon a TuttoSport a inizio ottobre -. E’ stata un’estate dura: c’era Mancini, che mi considerava la quarta, quinta scelta. Avevamo scelto di prendere strade diverse per far sì che non perdessi un anno. Si vede che il mio destino prevedeva che restassi qui: io c’ho messo del mio, non mollando mai. Il mio ginocchio va gestito. Non posso certo giocare 5 partite in 15 giorni, ma da qui a non passare le visite mediche ce ne passa. Invece è successo, ma i dottori che mi hanno detto no possono pensarla come vogliono, io posso giocare e non ho problemi. Come peraltro è sotto gli occhi di tutti…”.

Sono 10 le gare disputate in Serie A per Davide, con 867′ totalizzati. Poi un altro guaio muscolare: affaticamento al quadricipite della coscia sinistra e più nessuna presenza con l’Inter  dal 20 novembre 2016 ad oggi. Adesso per Davide si prospetta un futuro alla Sampdoria?