L’intermediario Ulisse Savini che cura gli interessi di Balde Diao Keita e Mauro Icardi, ha parlato ai microfoni di Radio CRC proprio dell’argentino. Il giocatore, infatti, la scorsa estate era ad un passo dal Napoli di Sarri. Ecco quanto dichiarato: “Keita Balde? Ero il suo agente fino ad un anno fa. Ancora in caldo l’ipotesi Napoli? Secondo me la firma di Mertens un po’ esclude l’arrivo di Keita: nello scacchiere di Sarri, l’attaccante biancoceleste, che per me deve stare vicino alla porta, credo che probabilmente può fare il famoso falso nove che attacca la profondità. Una nuova squadra? E’ in scadenza 2018, è evidente che sarà ceduto. Ci sono squadre in Italia interessate, dovranno trattare con la Lazio”. 

Su Icardi al Napoli

“Era vicinissimo al Napoli, credo che la svolta sia stata il ritorno dalla tournée americana: c’è stato un meeting con la dirigenza americana e lì ovviamente sono arrivate rassicurazioni tecniche ed economiche, che hanno portato il calciatore a scegliere di restare all’Inter. L’Inter però non ha mai accettato l’offerta del Napoli, che però ha insistito molto. L’ultimo rilancio si poteva arrivare anche a 70 milioni di euro. Futuro? Secondo me è stabile la sua presenza a Milano. Mauro ha una clausola per l’estero di 110 milioni. Verso fine stagione, Icardi vide una partita serale del Napoli con Higuain e disse: ‘Con Sarri faccio 40 gol’? E’ vero, me lo disse guardando una gara del Napoli. Con caratteristiche diverse, Mauro e Keita al Napoli con Sarri farebbero davvero tanti gol”.