Monchi, ormai ex direttore sportivo del Siviglia e promesso sposo della Roma, ha parlato nel corso di un’intervista concessa al quotidiano iberico ‘AS’:

Futuro

“Non è chiusa, ma la Roma è il club più vicino. Se tutto andrà come deve andare e non ci saranno intoppi, andrò alla Roma, ma niente è chiuso fin quando non c’è qualcosa di firmato. Marcelo era su un aereo per Siviglia e poi ha firmato col Madrid. Quindi non voglio dire niente fin quando non è chiuso.

Se Roma e Siviglia dovessero mostrare interesse per lo stesso calciatore? Tutti dobbiamo rispettare l’altro. Inoltre la mia testa sta andando più lenta dei fatti e a volte penso ancora come ds del Siviglia. Ci muoviamo su diversi parametri. Tutti vediamo gli stessi giocatori ma davvero non vedo conflitti di interesse. E se ci fossero, cercherò di evitarli”. 

Emery

“Ci ho parlato ultimamente ma non c’è nulla in merito ad un futuro insieme nel medio o lungo periodo. Spero per lui che continui molti anni col PSG, perché vorrebbe dire che sta facendo bene. E’ stato l’ideale per il Siviglia per tre anni e non siamo andati male”.

Altre offerte

“Nessun club mi ha chiamato direttamente. Ci sono stati intermediari che hanno espresso grande interesse, ma ritengo sia stato solo opportunismo. Ci sono stati grandi club esteri che mi hanno chiamato direttamente. Non lavorerò in Spagna in un altro club che non sia il Siviglia”.